X-Men – Dark Phoenix – La Recensione

Il film diretto da Simon Kimberg aveva l’arduo compito di dare una degna conclusione alla saga degli X-Men prima che questi subiscano un reboot e vengano inseriti a tutti gli effetti nel Marvel Cinematic Universe.

La trama vede il nostro gruppo di supereroi chiamati a salvare degli astronauti impegnati in una missione spaziale, che non rispondono più da diverse ore al Centro di controllo Missione. Il gruppo formato da Jean Grey (Sophie Turner) Ciclope (Tye Sheridan), Tempesta (Alexandra Shipp), Mystica (Jennifer Lawrence), Bestia (Nicholas Hoult), Quicksilver (Evan Peters) e Nightcrawler (Kodi Smith-McPhee), una volta giunti nello spazio notano che l’astronave è andata in avaria a causa di un’entità energetica sconosciuta che poi si scoprirà essere la Fenice (NDR anche se non né assumerà mai le forme). Piano piano gli astronauti vengono messi tutti in salvo, solo che per mettere in salvo l’ultimo Jean verrà investita, posseduta, dalla Fenice Nera che ne amplifica i poteri e alterà la sua personalità.

Qui iniziano i problemi, in quanto la Fenice riporterà a galla degli avvenimenti che erano stati rinchiusi nella mente di Jean, dal Proffesor X (James McAvoy) per evitare che questa soffrisse e per tenere sotto controllo i potentissimi poteri telepatici di quest’ultima. Questo provocherà un’allontanamento della nostra telepate dal gruppo e dal suo fidanzato Ciclope. Nel tentativo di riportare indietro la ragazza Mystica verrà uccisa da quest’ultima (NDR tranquilli non è spolier in quanto è una parte visibile nello stesso trailer rilasciato da 20th Century Fox) in preda a un’attacco di follia, portando quest’ultima sempre più vicina al baratro.

Mentre tutta questa vicenda prende piede, un gruppo di alieni, I D’Bari, capitanato dal villain di turno Vuk (Jessica Chastain), cercherà di portare Jean dalla loro parte per impadronirsi del potere della Fenice Nera, con conseguente scontro con i nostri supereroi.

Il film, come già detto, aveva un compito difficile, quello di portare su schermo una storia come quella della Fenice Nera e di concludere una saga che per alcuni X-Men, era a malapena iniziata ed accennata in X-Men Apocalisse, come per esempio Tempesta e Ciclope, che non sono stati approfonditi abbastanza e buttati li ad interpretare una parte come se facessero parte degli X-Men da tempo. Eccezione fatta per la sola Jean Grey attorno alla quale gira tutta la trama di questo film. Anche in questo film Mystica in versione blu appare veramente poco, sicuramente a causa della riluttanza dell’attrice ad essere perennemente truccata, quindi la bella Jennifer Lawrence non perderà occasione di apparire in vesti umane, persino all’interno della scuola dove ha il compito di impartire alle nuove leve l’importanza della diversità.

Nel film compare anche Magneto (Michael Fassbender) la cui interpretazione è magistrale per la parte che gli viene chiesta di interpretare ma che si allontana parecchio dalla controparte fumettistica che lo vede come uno dei villain più importanti della saga dei mutanti.

La trama inoltre soffre di molte incongruenze con i capitoli precedenti, infatti se ben ricordate i poteri di Jean vengono già sbloccati dal professor Xavier in X-Men Apocalisse, mentre qui non ve né traccia. La computer grafica non è sempre eccellente, infatti in alcune scene si nota la presenza del green screen. Inutile l’inserimento di nuovi mutanti come Dazzler, che fa una breve apparizione.

La parte peggiore del film è da assegnare ai villain di turno, davvero poco caratterizzati, tanto che sembrano inseriti come semplici optional, dei quali si poteva fare a meno e il film avrebbe funzionato ugualmente. La colpa è da attribuire a Captain Marvel, in quanto a causa di questo film, 30 minuti del film degli X-Men sono stati più volte rifatti, infatti all’inizio gli alieni avrebbero dovuto essere gli Skrull e il che avrebbe avuto senso.

Tra gli aspetti positivi del film troviamo la battaglia finale, forse una delle più epiche relative alla saga dei mutanti e l’ottima colonna sonora di Hans Zimmer che ha saputo, con le sue musiche, trasmettere la giusta drammaticità alle scene. Il film è ben caratterizzato da un’atmosfera cupa e drammatica, quindi totalmente privo di battute di qualche tipo che avrebbero smorzato un pò la tensione e che sarebbero state fuori luogo.

In conclusione il film si lascia guardare ma risulta essere mediocre e finirà abbastanza presto nel dimenticatoio, soprattutto quando i mutanti verranno reboottati ed inseriti nel Marvel Cinematic Universe. Il mio voto per questo film è un 5/10, si poteva fare decisamente meglio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...