Clockwork Aquario – Review

Clockwork Aquario – Review

30 Novembre 2021 0 Di Alex "Graiver" Maddaloni

Un uscita attesa trent’anni

Trovo davvero strano dover recensire un titolo che in teoria sarebbe dovuto uscire ben tre decadi fa. Di fatto Clockwork Aquario titolo purtroppo mai terminato, è stato l’ultimo gioco arcade sviluppato nel 1992 dal leggendario studio Westone Bit Entertainment (Wonder Boy). Si pensava che ormai il gioco fosse perso chissà dove. Fortunatamente i ragazzi di ININ Games in collaborazione con Strictly Limited Games hanno intrapreso la nobile missione di scavare in profondità nell’archeologia videoludica, recuperare il codice sorgente del gioco, completarlo e salvare così Clockwork Aquario dall’oblio.

(Abbiamo provato il titolo nella versione per Nintendo Switch)

Clockwork Aquario è un platform a scorrimento laterale, incredibilmente colorato e con una pixel art iper dettagliata, è un qualcosa che i moderni giochi indie attuali possono soltanto sognare. É un vero peccato che questi sprite così grandi ed estremamente colorati non siano molto diffusi o utilizzati al giorno d’oggi. Possiamo quasi dire che questa sia l’attrazione principale del titolo, poiché vi ritroverete ad avanzare per vedere quale incredibile pixel art o sprite troverete più avanti. É un gioco fantastico con un’animazione e una personalità piacevole. Gli sviluppatori dell’epoca avevano davvero centrato il punto.

Ci sono tre personaggi tra cui scegliere, abbiamo il ragazzo dai capelli verdi, Huck Londo, la donzella Elle Moon e il massiccio robot Gush. I tre non hanno nulla di diverso l’uno dall’altro, tranne forse per il robot, che risulta un po’ troppo ingombrante, il che lo rende un bersaglio ambulante. Il gameplay è abbastanza semplice, avete un pulsante per il salto e uno di attacco, se colpite i nemici una prima potrete stordirli, mentre con un secondo colpo potrete finirli definitivamente oppure camminandoci addosso avrete la possibilità di raccoglierli. Avrete così a vostra disposizione un arma che potrete scagliare addosso come fosse una palla agli altri nemici. Un sistema semplice, ma progettato abbastanza bene da permettervi di sfruttare queste abilità al meglio in ciascuno dei ben strutturati livelli.

Il gioco per sua natura è molto breve, impiegherete dai 20 ai 25 minuti per terminare una partita, certo potreste non farcela al primo tentativo, ma la longevità non è mai stato un punto di forza in questo genere di giochi all’epoca. Ci sono vari livelli di difficoltà ma l’unica cosa che modificano è la quantità di crediti che potrete utilizzare in una partita. Non è un gioco particolarmente impegnativo almeno nelle sezioni di platforming e una volta appresi i controlli e le meccaniche di gioco sarete in grado di sfrecciare velocemente attraverso i livelli.

Le battaglie contro i boss sono abbastanza prevedibili, ma non avrete molto spazio di manovra e farete fatica a fruttare al meglio le aperture a causa della loro velocità. Qui è dove avreste probabilmente speso tutti i vostri gettoni nelle vecchie sale giochi dell’epoca.

Il gioco è anche compatibile al co-op per 2 giocatori, il che è una cosa davvero positiva perché rende il tutto più caotico e divertente, potrete raccogliere l’altro giocatore e scagliarlo addosso ai nemici creando diverse situazioni esilaranti.

La colonna sonora è composta da Shinichi Sakamoto che ha lavorato all’orignale. Nella sezione Extra potrete ascoltare sia la versione originale che una versione Remix. É un peccato però che non si possa selezionare quale riprodurre durate la partita.

Infine non mancano le varie opzioni e shader per replicare i monitor CRT, davvero ben fatte e con un sacco di opzioni da sperimentare.

In conclusone l’aspetto generale di Clockwork Aquario è encomiabile, un platform veramente bello da vedere, forse leggermente caro sopra la media, parliamo di un costo di € 19,99 per una versione digitale, ma parliamo sempre di un titolo che senza gli sforzi prodotti da questi appassionati non avrebbe mai visto la luce. Per i collezionisti comunque consigliamo l’acquisto di una versione fisica in edizione limitata su Strictly Limited Games.

PROContro
Meravigliosa Pixel Art Longevità un po’ ridotta
Personaggi ben caratterizzatiCosto un po’ elevato
Estremamente divertente
Caotica modalità Co-op

Voto Finale 2AGT : 7.5